Prevedere il verso spontaneo di una red-ox




Il video mostra la reazione $\sf \charge{0}{Cu} + 2 \charge{+1}{Ag}NO_3 \to \charge{+2}{Cu}(NO_3)_2 + 2 \charge{0}{Ag} $. È possibile prevedere il verso spontaneo di una red-ox confrontando i potenziali standard delle semireazioni di riduzione.

$\sf \moveright{5em}{Cu^{++} + 2e^- \to Cu\ \ \ \ \ E^0 = +0.34 V}$
$\sf \moveright{5em}{Ag^{+} + e^- \to Ag\ \ \ \ \ E^0 = +0.80 V}$

Rispetto al rame, l’argento ha un potenziale di riduzione maggiore, ciò significa che ha maggiore tendenza a ridursi, ed è quello che accade, visto che, nella reazione, l’argento passa dalla forma ossidata $\sf (Ag^+)$ alla forma ridotta $\sf (Ag)$

Se invece ponessimo una lamina d’argento in una soluzione di solfato rameico, non si verificherebbe nessuna reazione.

$\sf \moveright{5em}{\charge{+2}{Cu}(NO_3)_2 + 2 \charge{0}{Ag} \to \charge{0}{Cu} + 2 \charge{+1}{Ag}NO_3 }$

Perché La reazione possa verificarsi spontaneamente il rame dovrebbe ridursi a spese dell’argento, ma non è possibile, visto che il suo potenziale di riduzione è inferiore.

E ora provate da soli. Qual è il verso spontaneo della reazione $\sf Fe(NO_3)_2 + Zn \ \rightleftharpoons \ Fe + Zn(NO_3)_2 $?
(potenziali di riduzione standard)


About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in reazioni, red-ox. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *