Oggetto di studio della chimica

trasformazioni chimiche e trasformazioni fisiche

Sebbene abbiano punti di contatto, la fisica e la chimica osservano la materia con sguardi differenti. L’interesse del chimico nel descrivere la materia è rivolto alla composizione delle sostanze, e le trasformazioni di cui si occupa sono quelle che comportano una modificazione della composizione della materia.

A titolo di esempio, sono trasformazioni fisiche:

  • i passaggi di stato: durante le trasformazioni cambia lo stato d’aggregazione della materia, non la sua composizione;
  • la distillazione del vino: si ottiene un aumento della percentuale di alcool per sottrazione di acqua, ma le sostanze (acqua e alcool) sono sempre le stesse;

Sono esempi di trasformazioni chimiche:

  • la trasformazione del mosto in vino, perché gli zuccheri in esso contenuti sono trasformati in alcool etilico, con processi fermentativi operati da microrganismi;
  • la trasformazione del vino in aceto, perché l’alcool in esso contenuto è trasformato in acido acetico, anche in questo caso ad opera di microrganismi;
  • la produzione di glucosio che si ha durante la fotosintesi clorofilliana a partire da anidride carbonica e acqua

L’anno scorso avete imparato la scrittura simbolica della fotosintesi clorofilliana:

$ \sf 6 CO_2 + 6 H_2 O \to C_6 H_12 O_6 + 6 O_2 $

il simbolo $ \sf CO_2 $ significa che ogni molecola di anidride carbonica è costituita da un atomo di carbonio e due di ossigeno
$ \sf 6 CO_2 $ significa che per produrre una molecola di glucosio sono necessarie sei molecole di anidride carbonica
il simbolo $ \sf H_2 O $ significa che ogni molecola di acqua è costituita da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno
$ \sf 6 H_2 O $ significa che per produrre una molecola di glucosio sono necessarie sei molecole d’acqua
….

Dovrete familiarizzare coi simboli degli elementi chimici: sono l’alfabeto della chimica. Incominciate a studiarli per appropriarvene al più presto. D’accordo? Potete esercitarvi usando questo link.

About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in trasformazioni della materia and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *