Classificazione delle sostanze




caos

Facciamo un po’ di ordine :), e per intraprendere questo percorso partiamo da una sostanza comune, l’acqua.

Cosa accade se facciamo evaporare completamente l’acqua di rubinetto contenuta in un bicchiere? Accade che il fondo del bicchiere vuoto sarà ricoperto da una sottile pàtina bianca. Questa pàtina è l’insieme dei sali che sono disciolti nell’acqua. Se invece di prendere acqua del rubinetto utilizziamo dell’acqua distillata, dopo la completa evaporazione dell’acqua nel bicchiere non osserviamo nessun residuo. Quindi l’acqua di rubinetto (e l’acqua del mare, dei fiumi, ecc.) è un miscuglio di più sostanze. Se si desidera purificarla, ottenere cioè dell’acqua pura, è necessario sottoporla ad un processo fisico, la distillazione, che permette di separare l’acqua dai sali in essa disciolti.

Le sostanze che, come l’acqua distillata, non possono essere ulteriormente separate con metodi fisici si dicono sostanze pure, i miscugli, viceversa, sono una miscela di due o più sostanze pure.

I miscugli, a loro volta, possono essere distinti in miscugli omogenei e miscugli eterogenei:

MISCUGLI OMOGENEI MISCUGLI ETEROGENEI
l’aspetto del miscuglio è uniforme, sono costituiti da un’unica fase, e i componenti non sono distinguibili all’interno della miscela sono riconoscibili i componenti ad occhio nudo o al microscopio
le proprietà del miscuglio sono uniformi in ogni parte le proprietà del miscuglio variano da parte a parte
i componenti possono essere separati gli uni dagli altri esclusivamente mediante passaggi di stato i componenti possono essere separati con opportuni metodi meccanici
i miscugli omogenei sono detti soluzioni e possono essere ottenuti mescolando:
un solido e un liquido
un gas e un liquido
due gas
due liquidi
due solidi (che vengono mescolati però allo stato fuso)
i miscugli eterogenei hanno nomi diversi a seconda delle fasi che li costituiscono:
sospensioni, ottenuti mescolando un solido in un liquido
emulsioni, ottenuti mescolando due liquidi immiscibili
e poi fanghi, nebbie, schiume, fumi..

About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in sostanze and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *