Sali




Il traguardo è vicino 🙂

I sali si possono ottenere in tanti modi, e li vedremo in seguito, ma è comodo ora partire dal fatto che:

idrossido + acido = sale + acqua

Questa reazione avviene in soluzione acquosa, dove gli idrossidi si dissociano in catione metallico e $\sf OH^- $ e gli acidi in $\sf H^+ $ e residuo alogenico (l’anione che resta dopo aver perso gli ioni $\sf H^+ $).

Ovviamente $\sf H^+ + OH^- \to H_2 O $, e, facendo evaporare l’acqua, rimangono i cristalli del sale.

Ad esempio (l’abbiamo visto in laboratorio, e, mannaggia, non abbiamo il filmato), facendo reagire in modo completo una soluzione di idrossido di sodio con l’acido cloridrico, otteniamo il cloruro di sodio (la soluzione finale era neutra perché $\sf H^+ $ e $\sf OH^- $ si sono annullati a vicenda).

$\sf NaOH \to Na^+ + OH^- $
$\sf HCl \to H^+ + Cl^- $

si forma acqua e in soluzione acquosa restano $\sf Na^+ $ e $\sf Cl^- $ e, dopo evaporazione dell’acqua, si ottengono cristalli di $\sf NaCl $.

I nomi dei residui alogenici si ottengono trasformando i suffissi dei corrispondenti acidi, mantenendo gli eventuali prefissi:

acido residuo
-idrico $ \to $ -uro
-oso $ \to $ -ito
-ico $ \to $ -ato

Così, ad esempio, il solfuro ferrico, è formato da $\sf Fe^{3+} $ e dal residuo dell’acido solfidrico $\sf (H_2 S) \to S^{2-} $ e quindi
$\sf \stackrel{+3}{Fe}_2 \stackrel{-2}{S}_3 $

oppure, il nitrito rameico è formato da $\sf Cu^{2+} $ e dal residuo dell’acido nitroso $\sf (HNO_2) \to NO_2^- $ e quindi
$\sf \stackrel{+2}{Cu} (\stackrel{-1}{NO_2})_2 $

o, ancora, l’ortofosfato mercurico è formato da $\sf Hg^{2+} $ e dal residuo dell’acido ortofosforico $\sf (H_3 PO_4) \to PO_4^{3-} $ e quindi
$\sf \stackrel{+2}{Hg}_3 (\stackrel{-3}{PO_4})_2 $


About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in nomenclatura tradizionale, sali. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *