Variazione dell’elettronegatività nella TP




L’immagine rappresenta la variazione dell’elettronegatività negli otto gruppi principali della Tavola Periodica

L’elettronegatività è un indice che esprime la forza con cui i nuclei atomici attraggono a sè gli elettroni del legame covalente.

La variazione del colore evidenzia che

  • all’aumentare del numero atomico, all’interno di uno stesso periodo, l’elettronegatività aumenta
  • all’aumentare del numero atomico, all’interno di uno stesso gruppo, l’elettronegatività diminuisce.

Si può intuire che la forza di attrazione verso gli elettroni di legame è strettamente correlata con la forza con cui i nuclei attraggono i propri elettroni del livello energetico esterno (naturalmente, non ha senso parlare dell’elettronegatività dei gas nobili, visto che non formano legami chimici).

Dato che i non-metalli si trovano a destra nella Tavola Periodica avranno valori alti di elettronegatività e, fra tutti i non-metalli, il più elettronegativo è il Fluoro. Al secondo posto c’è l’Ossigeno, poi il Cloro e l’Azoto, e via via gli altri non-metalli.

Importante da tenere a mente: l’Idrogeno, pur essendo a sinistra nella Tavola Periodica è un non-metallo, e fra tutti i non-metalli è il meno elettronegativo!

E’ tempo ora di approfondire la conoscenza dei legami chimici.



About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in proprieta periodiche. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *