Il legame covalente




Il legame covalente si realizza fra due atomi di non-metalli (dello stesso elemento o di elementi differenti). Avendo la tendenza i non-metalli ad acquistare elettroni, essi trovano un “compromesso” e li condividono: due orbitali atomici contenenti ciascuno un singolo elettrone (=singoletto) si sovrappongono, e danno luogo ad un orbitale molecolare: come per gli orbitali atomici, vale anche qui la regola che in ogni orbitale molecolare possono risiedere soltanto due elettroni con spin opposto.

Se due atomi condividono una sola coppia di elettroni si ha il legame covalente singolo, con due coppie di elettroni si ha il legame covalente doppio, con tre coppie di elettroni si ha il legame covalente triplo

Il legame covalente omopolare (o puro) si realizza quando la differenza di elettronegatività fra i due atomi coinvolti è zero (in pratica, quando si tratta di due atomi dello stesso elemento). In questo caso gli elettroni di legame sono perfettamente condivisi, ovvero stazionano per ugual tempo su entrambi gli atomi.

Il riepilogo, scaricabile, utilizza modelli di rappresentazione differente per le molecole di $\sf H_2 ,\ O_2\ e\ N_2 $.

Il legame covalente eteropolare (o polare) si realizza quando uno dei due atomi è più elettronegativo dell’altro. In questo caso gli elettroni di legame sono maggiormente attratti dall’atomo più elettronegativo, ovvero stazionano per un tempo maggiore su di esso. L’atomo più elettronegativo possiede quindi una parziale carica negativa $\sf (\delta^-)$, mentre l’altro atomo possiede una parziale carica positiva $\sf (\delta^+) $.

L'immagine rappresenta la formazione della molecola polare di $\sf HF $. La nube elettronica è maggiormente addensata sull'atomo di Fluoro, più elettronegativo.

L’immagine rappresenta la formazione della molecola polare di $\sf HF $. La nube elettronica è maggiormente addensata sull’atomo di Fluoro, più elettronegativo.

About ilgeniodellalampada

docente di scienze
This entry was posted in legami chimici, legami intramolecolari. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *